I manoscritti di padre Lodovico Nuti della Biblioteca di Santa Croce in Firenze

Tra i manoscritti dell’Archivio storico della ‘Provincia toscana dei frati Minori Conventuali’, consultabile presso la Biblioteca di Santa Croce, della Basilica di Santa Croce a Firenze, è di particolare interesse  la raccolta di notizie sui singoli Conventi toscani  fatta nel Seicento dal p. Lodovico Nuti e databile a poco dopo la metà del XVII secolo [1667/68] (con eventuali aggiunte di epoca successiva).
Contiene le serie cronologiche:
–  dei frati Maestri in Telogia, dei Guardiani, dei Predicatori,
–  le narrazioni dei fatti notabili dei singoli insediamenti conventuali (fondazione, passaggi di San Francesco, la descrizione degli edifici.
Per le chiese, ad esempio, si possono trovare le descrizioni di altari, titoli,  opere d’arte, reliquie. I fascicoli conservati, che purtroppo sono solo una parte di quelli redatti all’epoca, riguardano i seguenti siti:
– Convento di Asciano,
– Convento di Borgo San Lorenzo,
– Convento di Castelfiorentino,
– Convento di Castiglion Fiorentino,
– Convento di Colle Val D’ Elsa,
– Convento di S. Francesco di Cortona,
– Convento di S. Margherita di Cortona,
– Convento di Figline,
– Convento di Lucignano,
– Convento di Massa [Marittima],
– Convento di Montepulciano,
– Convento di Montevarchi,
– Convento di Monticchiello,
– Convento di  Pescia,
– Convento di Pienza,
– Convento di Piombino,
– Convento di Pisa,
– Convento di Pontremoli,
– Convento di Prato,
– Convento di Vicopisano,
– Convento di Suvereto.
Data la caratteristica di particolare fragilità di queste testimonianze scritte, e l’eccezionale rarità storica, si consente la loro consultazione in formato digitale solo in sede:
il materiale è rientrato in un progetto più ampio di digitaliazzazione del fondo storico-documentario dei Francescani Conventuali di Toscana, testimonianza delle attività della provincia religiosa, in cui le carte sono riprodotte recto/verso, nell’ordine sequenziale in cui si presentano, in modo che non venga esclusa nessuna parte del documento; a ogni immagine viene data una denominazione significativa.
L’ introduzione storico-archivistica: L’Archivio storico in S. Croce: metodologie e strumenti di consultazione consente di esplorare il materiale riprodotto.

Per approfondimenti segnaliamo le seguenti recenti pubblicazioni, risultato di approfondite ricerche condotte presso questa Biblioteca.
GIOVANNI GIURA, San Francesco di Asciano: opere, fonti e contesti per la storia della Toscana francescana. Firenze: Mandragora, 2018.
CATERINA BAY, Una fonte seicentesca per le chiese minori della Toscana: Ludovico Nuti e il San Francesco di Pescia in La storia e la critica: atti della Giornata di studi per festeggiare Antonino Caleca, a cura di Lorenzo Carletti e Gabriella Garzella. Pisa: Pacini, 2016, p. 143-153.